Rimasi semplicemente lì dov’ero a guardare lo splendore dei suoi occhi.

Una traccia del tema che sotto sotto parla di accettazione, di volersi bene e del continuo bisogno del plauso degli altri. E io lo so bene. Io che ho sempre ricercato, negli uomini ad esempio, la conferma della mia bellezza. Io che senza trucco mi sento nuda e a disagio, brutta. Io che per incominciare … Continua a leggere Rimasi semplicemente lì dov’ero a guardare lo splendore dei suoi occhi.

Bologna.

Prenotare un treno. Direzione Bologna. Una città dove non ero mai stata prima di due settimane fa. Una città di cui conosco solo la stazione, l’autobus 35 e una panchina. Una panchina che ha visto due ragazzi innamorati piangere e stare in silenzio; uno di quei silenzi vuoti, che lascia una voragine dentro al cuore. … Continua a leggere Bologna.

Promemoria.

“«Guardami, guardami! Io sono soltanto un promemoria. Che cosa ti ricordo?». Questo dovrebbe dire, ad ogni amante, la bellezza della persona amata, secondo una splendida intuizione di C.S. Lewis. Ma ogni umana bellezza è compiuta davvero quando è la persona che – nel suo stesso essere, anche se la carne sfiorisce – diventa questo «promemoria … Continua a leggere Promemoria.

Redenzione

Originally posted on Horror vacui:
Ma il mio cuore è gioioso come il nido che ricorda e come la neve che spera sotto la neve perché so che tutto è dove deve essere e va dove deve andare: al luogo assegnato da una sapienza che non è la nostra.   Miguel Manara Continua a leggere Redenzione